Contratto di acquisto

Gli acquirenti di un immobile dovrebbero negoziare con i propri partner contrattuali dei contratti quanto più possibile concreti e dettagliati. In questo articolo scoprirà a cosa è importante fare attenzione.

Non per niente esiste il detto «acquistare a scatola chiusa»: gli acquirenti di un'abitazione di proprietà, infatti, non sanno mai esattamente cosa si ritroveranno in mano al termine dei lavori.

Se si tratta di un immobile di nuova costruzione, tutto ruota attorno a un progetto che esiste solo nelle menti degli architetti o sulla carta. Abbiamo quindi a che fare con un approccio completamente diverso rispetto a quando, ad esempio, prendiamo dagli scaffali del supermercato i prodotti necessari al nostro fabbisogno quotidiano.

Per chi acquista una casa, pertanto, è fondamentale vincolare i propri partner contrattuali a promesse quanto più possibile concrete e dettagliate. Questo implica la stipula di contratti attentamente formulati, la definizione di prezzi e scadenze precisi, ma anche l'elaborazione di una documentazione di progetto completa e di una descrizione esaustiva dell'opera. Chi non affronta seriamente gli aspetti riguardanti i prezzi e i costi, non dovrebbe sorprendersi poi se gli oneri «lievitano».

Una consulenza utile

Rispetto ai costi complessivi della costruzione di un'abitazione, eventuali onorari aggiuntivi per la consulenza di esperti sono assolutamente giustificati, ad esempio per l'assistenza di un legale che verifica tutti i documenti contrattuali prima della sottoscrizione. Informazioni e consulenze possono essere richiesti anche ai notariati e agli uffici del registro fondiario.

Soprattutto quando si acquista un'abitazione, è buona norma «cercare il pelo nell'uovo», esaminando con estrema attenzione il partner con cui si stipula il contratto. Chi, tuttavia, si fida ciecamente di ciò che è già stampato nero su bianco, è destinato prima o poi a incappare in qualche trappola contrattuale.

Contratto di acquisto