Ricerca casa per più difficile dopo i 65 anni

Come si prospetta oggi la ricerca casa nella terza età? I più anziani hanno meno dimestichezza con i sistemi digitali odierni rispetto ai più giovani. E quando sono in cerca di una nuova casa, volontariamente o meno, il loro budget è generalmente limitato. Esistono delle soluzioni: a Zurigo, ad esempio, possono affidarsi a dei professionisti del settore immobiliare per ricevere supporto.

Jürg Zulliger

La questione della «ricerca casa per anziani» è considerata un problema marginale dall’opinione pubblica. Eppure quasi ogni giorno si verificano dei casi nuovi. Vi raccontiamo brevemente la storia della 72enne Samira D.: nel 1975 lei e suo marito si trasferirono in una bella casa plurifamiliare a Seefeld, Zurigo. Il vecchio immobile venne successivamente demolito. A causa di vari casi di ingiustizia nell’immobile, il proprietario (una grande compagnia di assicurazione) concesse un altro anno di locazione. Ma lo sfratto doveva comunque avvenire in tempi brevi.

wohnungssuche-senioren-ab-65-wirds-schwieriger-1.jpg
Ricerca casa per anziani: il sogno di tanti, anche nella terza età, è quello di vivere in una bella zona.

Una casa per pensionata con gatti

Samira D., pensionata e vedova da 4 anni, ha inviato oltre 20 candidature per una nuova abitazione, ma tutte invano. Né ha famiglia in zona. L’unica sicurezza che ha al momento sono i suoi due gatti, Jimmy e Maggie. Ovviamente è consapevole del fatto che oggigiorno le abitazioni vengono commercializzate soprattutto su piattaforme internet. «Mio nipote mi aiuta», racconta, «quando devo sbrigare qualcosa che richieda l’uso del computer o del cellulare.» L’ultima volta che aveva cercato casa (oltre 40 anni fa) tutto funzionava in modo molto diverso.

Dieter Beeler, Presidente dell’associazione di settore SVIT di Zurigo, sostiene in merito alla questione della ricerca casa per anziani: «essendo alcune nuove offerte solo a breve in rete, la rapidità è effettivamente un fattore decisivo». Mentre i più anziani ancora valutano a fondo se questo o quel luogo sia adeguato alle proprie esigenze, altri hanno nel frattempo già inviato la loro candidatura online.

Samira D. non riesce a spiegarsi come mai la sua candidatura non rientri nella lista di potenziali locatari. «Sono sempre stata una locataria impeccabile, ho tenuto un comportamento corretto e ho pagato sempre con puntualità il canone di locazione», continua a spiegare. – Statisticamente è difficile da dimostrare ma le persone che rientrano nella fascia di età compresa tra i 65 e i 70 anni non sono più la prima scelta nelle amministrazioni di abitazioni.

Ricerca casa per anziani: «semplicemente scartati?»

Walter Angst dell’Associazione di locatari a Zurigo spiega: «quando la pila di candidature è sufficientemente voluminosa, i/le candidati/e più anziani/e vengono semplicemente scartati/e». Sui motivi che inducano a questo atteggiamento si può solo speculare: da un lato vi è la tendenza del settore a costruire abitazioni più grandi, moderne e costose. Chi, come Samira D., ha vissuto per oltre 40 anni in locazione in un vecchio appartamento economico non può dall’oggi al domani permettersi un canone di locazione di 2’000 o 3’000 franchi per un appartamento nuovo. Sicuramente non mancano anche i pensionati benestanti, ma tanti pensionati devono cavarsela con AVS e prestazioni complementari.

Contingenti garantiti dalle cooperative

Pensionati e pensionate come Samira D. cercano per lo più determinati tipi di abitazioni, generalmente difficili da trovare, con buona posizione e a prezzi consoni. Per questo, molti ripongono le loro speranze in fondazioni e cooperative di beneficenza. Samira Courti della Cooperativa edilizia di Zurigo (ABZ) ha spiegato che ABZ va incontro alle esigenze dei più anziani da vari punti di vista: alla prima locazione per la nuova costruzione Glattpark, comprendente 286 nuovi appartamenti, un contingente di ben 20 abitazioni è stato riservato esclusivamente a persone anziane.

«Mentre per le altre abitazioni il termine per la candidatura era di 3 settimane, per queste è stato esteso a 6», spiega la rappresentante della cooperativa. Chi non voleva o non era in grado di inviare una richiesta online, poteva presentarsi di persona alla sede dell’amministrazione. In questo caso specifico, entrambe le offerte sono state prese poco in considerazione. La maggior parte dei candidati ha chiesto aiuto a conoscenti e familiari. ABZ ritiene importante rivolgersi direttamente a questo target, magari con un apposito flyer. Samira Courti riassume la situazione: «è fondamentale che le persone anziane siano informate per tempo presso i vari punti di contatto e informazione».

wohnungssuche-senioren-ab-65-wirds-schwieriger-2.jpg
Le cooperative offrono abitazioni per tutte le generazioni: Casa multigenerazionale Fonderia (Immagine: Kurt Lampart / Cooperativa Gesewo)

Questo lo conferma una prova campione effettuata presso alcune grandi aziende e organizzazioni, come Livit SA, una delle grandi amministrazioni immobiliari operanti in Svizzera.  «Per i risanamenti offriamo un servizio speciale» spiega Marietta Hersche di Livit, «con la nostra assistenza aiutiamo tutti i locatari a trovare una nuova casa». Essendo Livit come altre amministrazioni, senza però essere proprietaria, procedura e supporto dipendono comunque dal proprietario.

Ricerca casa per anziani: SVIT Senior

L’organizzazione di settore SVIT Zurigo si occupa della questione «ricerca casa per anziani» già da alcuni anni. «Organizziamo anche eventi di informazione per pensionati», spiega Dieter Beeler di SVIT Zurigo. Inoltre, forniamo consulenze nei casi più difficili. Il gruppo «Svit Senior» ha già aiutato in più casi locatari più anziani a trovare casa.

Il servizio è fornito da professionisti pensionati del settore. Chi dispone di contatti e know-how a seguito di un’attività lavorativa nel settore riesce a fornire un contributo utile anche nei casi più difficili. Gli esperti puntano ad accrescere la sensibilità verso il tema della «ricerca casa per anziani».

Il rappresentante del settore Dieter Beeler reputa infondati i pregiudizi ancora molto diffusi in talune amministrazioni o tra i locatori e afferma: «la maggior parte delle persone anziane sono locatari molto gradevoli, rispettano le regole del vivere comune e pagano con puntualità».

Ricerca casa per anziani: suggerimenti d’oro

  • Definire le proprie esigenze abitative: Metta prima in chiaro quel che intende cercare (dimensioni, luogo, canone massimo di locazione, zona, arredo, abitazioni senza barriere, ecc.).
  • Referenze: quando viene pubblicato un annuncio per un’abitazione adatta alle sue esigenze, tenga già pronta tutta la documentazione necessaria! Tra queste vi sono referenze (in particolare del locatore attuale), prove e documenti che dimostrino il reddito percepito, estratto del registro delle esecuzioni
  • Supporto: non ha dimestichezza con internet come i suoi figli o nipoti? Si faccia dare una mano! I suoi figli o altre persone di fiducia potranno spiegarle come abbonarsi a sistemi di ricerca, ecc.
  • Visita: anche se oggigiorno le abitazioni vengono pubblicate quasi solo in formato digitale, ha sempre luogo una visita degli immobili. Cerchi di mettersi in contatto con l’amministratore. Raccolga informazioni sugli altri locatari nell’immobile e sull’amministrazione per la documentazione necessaria per la locazione. Rifletta sul tipo di locatario cercato. Più riuscirà a capire che tipo locatario cercano, meglio riuscirà a «vendersi».
  • Candidatura: oggi le possibilità di ottenere un’abitazione con «candidature generiche» sono pressoché inesistenti. Si candidi per una specifica abitazione e si concentri su questa offerta. Presti particolare attenzione alla procedura descritta nella documentazione o nell’annuncio online.
  • Network: talvolta le abitazioni vengono anche tenute sottobanco oppure si tratta di locatari che pubblicano un annuncio per breve tempo («in cerca di locatari sostitutivi»). Informandosi nella sua cerchia di conoscenze, potrebbe accrescere le sue possibilità di riuscita. Contatti anche i centri di consulenza del suo comune, chieda a cooperative e fondazioni.
  • Centri di consulenza: in quasi tutte le città, tutti i quartieri e i villaggi sono presenti punti di contatto e possibilità di informazioni per quasi tutte le questioni relative al tema della «ricerca casa per anziani». Questi centri, tuttavia, hanno sempre nomi diversi. In parte si tratta di centri regionali di Pro Senectute (in cui la consulenza immobiliare è una parte importante), supporti di vicinato, centri di informazione per anziani, ecc.

Link sul tema ricerca casa per anziani:

aiuto e corsi per anziani (presso l’associazione di settore): SVIT Zurigo: www.svit-senior.ch

Esempio di supporto di vicinato comunale: www.alter-kuessnacht.ch

wohnungssuche-senioren-ab-65-wirds-schwieriger-3.jpg
Il numero di ultrasessantacinquenni è in aumento. In molti sono attivi e in forma! (Immagine: fotoli